Il Numero verde un’ancora di salvezza

Il Numero verde un’ancora di salvezza

Il Numero verde è un elemento che fa parte della vita di tutti i giorni, ci si rapporta con questa realtà molto spesso per necessità varie: le bollette, gli acquisti, reclami di vario tipo, informazioni, prenotazioni per viaggi, consulenze disparate e molto molto altro, quando c’è un problema quasi sempre scopriamo che esiste un numero verde per risolverlo. Ma cosa è un numero verde? Come è stato creato? E quando? Cominciamo con il dire che è uno speciale servizio telefonico, che consente a tutti di effettuare chiamate addebitandone il costo al destinatario; quindi completamente gratuite.

Non ci sono aziende o enti pubblici che non abbiano il numero verde dedicato all’assistenza e ai contatti con i propri utenti; il numero verde è largamente utilizzato da tutti quei comparti che necessitano di un rapido smistamento delle chiamate e di un canale di contatto con la clientela per facilitare ogni tipo di rapporto vi sia in atto tra l’ente stesso e il privato cittadino.

Il numero verde quindi è un recapito telefonico gratuito al servizio di un largo bacino di utenza, queste utenze sono sempre diversificate per tipologia e zona geografica. In merito proprio alla localizzazione tutte le compagnie telefoniche offrono servizi alle aziende per creare elenchi classificati in base a requisiti specifici, uno di questi servizi è proprio la limitazione delle aree geografiche di provenienza della chiamata, la conseguente concentrazione o smistamento verso diversi centralini e l’attribuzione di un numero sempre attivo.

La novità che ha reso ancora più utile e performante il numero verde è stata l’introduzione del numero verde ricaricabile; un’idea geniale che ha declassato del tutto i costi di attivazione e gestione. Il “verde ricaricabile” funziona cosi: Al cliente che ne fa richiesta viene assegnata una numerazione che inizia con il canonico 800, su questa numerazione viene precaricato del credito telefonico che si esaurisce a scalare in base al numero, alla durata dell’utilizzo e alla provenienza e destinazione delle chiamate. Il Numero Verde in questo modo diventa accessibile a tutti non solo ai grandi colossi aziendali o ai grandi enti nazionali; oggi ogni tipo di utente può averlo ogni tipo di azienda, grande o piccola che sia.

Ma l’innovazione e l’ampliamento del numero verde non si ferma qui, oggi è possibile anche avere il numero verde 800 flat, ovvero una numerazione che ha un costo fisso mensile che ingloba anche tutto il traffico effettuato sia in entrata che in uscita. Questo tipo di soluzione facilita a tutte le aziende un maggior controllo sui costi dei propri codici 800 e dei relativi servizi offerti attraverso i medesimi.

Ma quando è nato il numero verde? Questo magico numerino ha visto la luce nel 1986 quando ancora le comunicazioni in Italia erano monopolio della leggendaria “SIP” ; i primi numeri verdi avevano come codice-guida il numero 1678-XXXXX, seguito da altre cinque cifre, in seguito fu sostituito dal più breve 167-XXXXXX. Pochi anni fa invece siamo passati all’iconico 800-XXXXXX, affiancato da un altro codice l’803-XXX utilizzato nell’ambito dell’elenco di numerazione nazionale. La scelta del codice 800 si è resa necessaria per uniformare l’Italia ad altri paesi europei con attivi servizi dello stesso tipo completamente gratuiti per il chiamante.

Questa tipologia di numerazione trova utilizzi molto importanti, oltre a quelli socio-aziendali o sanitari, urbani o commerciali quotidiani; il numero verde fa la sua apparizione in caso di calamità naturali, per dare supporto a persone vittime di aggressioni, per denunciare reati, per chiedere aiuto in caso di malore, per allertare su possibili crimini in atto, per catene solidali, per la donazione degli organi, insomma il numero verde è un’ancora di salvezza, è un tam tam che non ci lasci mai soli, è una mano amica che ci aiuta a rialzarci…

Ma cosa bisogna fare per avere un numero verde?

Prima di tutto chi vuole richiedere un numero verde deve visitare le pagine dedicate sul sito del provider scelto, qui deve cercare la pagina dove è pubblicato il modulo da compilare che inviare la domanda, fatto questo si attende la risposta del sito, si sceglie il metodo di pagamento che contempla la prima ricarica; è bene ricordare che il pagamento online con carta di credito frutta la consegna immediata del numero verde, mentre con il bonifico bancario bisognerà attendere i tempi di lavorazione della banca che sono sempre circa 48 ore. In seguito al richiedente verrà inviata una mail con tutti i dettagli dell’acquisto, fino a che il pagamento non è effettivo il numero verde scelto resta solo “prenotato” per due giorni.

ImprendoTLC
About The Author

There are no comments yet, but you can be the first



Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.

Contattaci per info o Attivazione



Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Cerca Nel Sito

Copyright 2016 Imprendo tlc.com - Creato e Posizionato da